Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

leoIl PARCO ZOO FALCONARA oggi si estende per circa 60.000 mq su una collina di Falconara Marittima (AN). Sorge nel 1968 per iniziativa privata.
All’inizio il Parco era esclusivamente un parco di divertimenti per bambini, con giochi, altalene e scivoli e piccole casette delle fiabe e ospitava solo pochi animali, soprattutto animali domestici.
Dopo alcuni anni, il parco inizia ad evolversi come Zoo arricchendosi di nuove specie animali: uccelli ed in particolare felini, grande passione del titolare.
Sono anni difficili, durante i quali c’è molto da imparare: come allevare e riprodurre animali selvatici, come organizzare uno zoo e soprattutto come farsi conoscere ed apprezzare dal pubblico.
Tanti sacrifici e duri anni di lavoro trovano ricompensa quando, negli anni ’80, l’U.I.Z.A. (Unione Italiana Zoo e Acquari, nata nel 1971) propone al Parco Zoo Falconara di entrare a far parte dei suoi membri.
L’ U.I.Z.A. che raggruppa pochi Zoo ed Acquari Italiani, quelli che rispondono ad un determinato codice etico, tiene costantemente informati i suoi membri sulle norme e leggi da rispettare in materia e mostra la linea di comportamento più giusta da tenere secondo le attuali concezioni di Zoo ed i moderni standard Europei.

Da allora sono stati eseguiti molti lavori, tra cui la costruzione di nuove aree più adatte all’allevamento ed alla conservazione delle specie ospitate, ampi ed integrati il più possibile nell’ambiente. Le aree non sono più delimitate da cemento e sbarre, ma da reti metalliche, immerse nel verde, prevedono ampie vetrate che non ostacolano la visione degli animali e un arredo interno che risponde alle esigenze dello stesso.
E’ stato ampliato anche lo staff tecnico, con l’introduzione di Biologi che curano l’aspetto didattico-educativo del Parco e altre figure professionali, quali il veterinario e lo zoologo.
Numerosissime sono le scuole che vengono allo Zoo in gita scolastica e usufruiscono della visita guidata perché più istruttiva, e di laboratori didattici creati a seconda delle fasce di età di appartenenza dei bambini e ragazzi. Durante questi percorsi i ragazzi apprendono nozioni di base della biologia animale, vengono sensibilizzati al rispetto della natura e informati, nei limiti del possibile, sui problemi di conservazione delle specie e sul ruolo di uno Zoo moderno.

Ricordiamo inoltre che il Parco Zoo Falconara ospita specie molto importanti, minacciate di estinzione e comprese nella C.I.T.E.S.
La C.I.T.E.S. Convenzione sul Commercio Internazionale di specie in pericolo di estinzione,, fu varata nel 1973 a Washington, quando si capì che il commercio internazionale stava contribuendo alla scomparsa di tante specie animali e vegetali.
Oggi oltre 140 Nazioni, trà cui l’Italia (dal 1980) rispettano le norme della C.I.T.E.S. nelle quali le specie animali sono suddivise in diversi allegati, a seconda del rischio di estinzione (causato dal commercio illegale) vietando il commercio delle specie più minacciate (inserite in allegato A)  e sottoponendo a permessi e controlli quelle degli altri allegati ( B/C/D)
Gli Zoo hanno un ruolo fondamentale nella salvaguardia, di queste specie, poiché tutti gli esemplari di questo tipo sono rigorosamente registrati e dotati di documenti rilasciati dal Servizio C.I.T.E.S. del Corpo Forestale dello Stato, che li tutela dal commercio illecito. Inoltre la possibilità di riproduzione in cattività può contribuire alla conservazione di queste specie di cui in futuro alcuni esemplari potrebbero essere reintrodotti in natura.

Negli ultimi anni la tutela delle specie animali è diventato un problema sempre più sentito nel nostro Paese tanto che con la legge n. 150 del 1992 (art. 6, comme 6) il Ministero dell’Ambiente ha vietato  la detenzione di animali pericolosi. Tuttavia dopo l’ispezione della Commissione Scientifica C.I.T.E.S. una struttura può essere ritenuta idonea alla detenzione di tali animali: il Parco Zoo Falconara ha ottenuto questa idoneità nel novembre del 1997 grazie alle misure adottate nella ristrutturazione dei suoi recinti ed alla capacità dello Zoo di offrire adeguate condizioni di vita a tutti gli animali ospitati.
Nell’Aprile del 2006 il Parco Zoo Falconara è entrato a far parte dell’E.A.Z.A. (Unione Europea Zoo e Acquari). Anche questa Unione, che raggruppa più di 300 Istituti Europei, segue linee di comportamento secondo le attuali concezioni di Zoo moderni.
Oggi il Parco Zoo Falconara è considerato un vero moderno centro di conservazione. Infatti prende parte a programmi Internazionali, come il Programma Europeo di Conservazione per le specie Minacciate (chiamato EEP) che coordina gli sforzi compiuti dagli Zoo per la salvaguardia delle specie a rischio di estinzione.

Non ci resta quindi che invitare tutti Voi a verificare di persona quanto possa essere piacevole passeggiare nel verde di un parco tra meravigliose creature!

 

SIAMO MEMBRI DI:

    l eaza logo uiza    isis logo    l59v87 8  logo eduzoo2

 PARTECIPIAMO A:

EEP European Endangered species Programme

ban orari

ban tariffe

ristozoo

Siamo membri di:
Membro di EAZA - European Association of Zoos and AquariaMembro di - EDUZOO Educare per conservare

logo species 360

Membro di - ANMS Associazione Nazionale dei Musei Scientificilogo uiza 2013
Partecipiamo:
Partecipiamo a: EEP European Endangered species Program

Dicono di noi

ico_dicono5

Qui ci sono pubblicati gli articoli più belli che parlano delle iniziative del Parco Zoo e dei suoi Animali.

Vai alla pagina

Siti Amici