Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il Parco Zoo aderisce ad alcuni programmi di allevamento e conservazione di specie minacciate di estinzione, gli EEP e collabora da anni con il Corpo Forestale dello Stato nucleo CITES, dando supporto tecnico e ospitando animali provenienti da sequestri. Da circa dieci anni il Parco partecipa attivamente alle campagne EAZA  (European Association of Zoos and Acquarium) di cui è membro. Queste campagne sono volte alla sensibilizzazione della conservazione di  specie animali,  supportate da raccolta fondi, che ogni Zoo aderente alla campagna, mette in atto, con l’aiuto dei propri visitatori.

Okapi Conservation Project

OCP Blk 1 271x300 Il Parco Zoo Falconara sostiene progetti di conservazione "in-situ", cioè in natura nelle aree native di una determinata specie.
Lo Zoo ha scelto di promuovere e sostenere la campagna di protezione dell'okapi (Okapia johnstoni): la "giraffa delle foreste".
Questo strano e particolare animale è considerato "in pericolo" di estinzione dalla IUCN Red List of Threantned Species. In circa 15 anni gli esemplari di okapi presenti in natura sono infatti diminuiti del 50%.

L'Okapi Conservation Project opera nel cuore della Repubblica Democratica del Congo per proteggere l'habitat naturale dell'okapi e degli indigeni che vivono nella Riserva Naturale dell'Okapi.
Proclamata patrimonio dell'Unesco, la Riserva è una delle aree con maggir diversità biologica di tutta l'Africa. Le azioni che l'Okapi Conservation Project svolge sono molteplici, dalla promozione della ricerca scientifica al controllo del territorio.

Volohasy

volohasyVolohasy: Bambù, uomini e lemuri. Il progetto Volohasy nasceper mezzo del dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi (università di Torino) grazie al sipporto di UIZA e dei Parchi Zoologici Italiani partner. L'intento di questa iniziativa è quello di combattere la perdita di habitat forestale, che rappresenta la prima causa di estinzione delle specie in Madagascar. Il sito in cui è localizzato il progetto è l'area protetta di Maromizaha, chiamata anche la Foresta pluviale degli alberi dragoni del Madagascar.

Nella zono vi sono 13 specie di lemuri, 77 specie di uccelli, 60 specie di anfibi e 20 specie di rettili da proteggere e la popolazione locale è resa partecipe del progetto, promuovendo così lo sviluppo sostenibile degli abitanti della foresta. L'obbiettivo che si è posto Volohasy è ripiantare un ettaro di foresta di bambù all'initerno dell'area protetta.Tutto il piano di lavoro verà svolto attraverso il monitoraggio del sito di riforestazione per mezzo di un censimento mensile della fauna e la formazione di personale locale specializzato nella gestione delle risorse naturali di alto valore.

icona-note-ricerca icona-note-ricerca icona-note-ricerca

Università

La ricerca è uno degli obiettivi che i moderni giardini zoologici devono perseguire.
Il Parco Zoo Falconara da diverso tempo, ha stretto collaborazioni con diverse Università Italiane, offrendo l'opportunità agli studenti di svolgere la propria tesi di laurea presso il Parco, al fine di approfondire e migliorare le proprie tecniche di allevamento ex situ apportando così benefici ai programmi di conservazione delle specie e degli ambienti  minacciati.  
Per le  Università,  i giardini zoologici rappresentano un enorme potenziale per studi comportamentali e verifica dei metodi utilizzati in campo, in particolare per quanto riguarda specie estremamente elusive.
Si ha infatti la possibilità di validare metodiche e di sperimentarne di nuove, in condizioni controllate

Università di Pisa

diario_2006Il Parco Zoo Falconara collabora, offrendo la propria struttura e  contribuendo   economicamente, con l'Università di Pisa Museo di Storia Naturale del Territorio per la realizzazione dei progetti S.M.E.L.L. and L.E.A.V.E.S..
Ricerca sulla comunicazione olfattiva dei Lemuri catta. Tale progetto si divide in due parti ricerca su popolazione diario_2008ex situ (effettuata allo Zoo) ed applicazione dei risultati per la ricerca in situ ( effettuata in Madagascar).

Save the Caissara

CaissaraDal 2011 al 2015 il Parco Zoo Falconara ha poromosso una collaborazione con il Parco Zoo Punta Verde di Lignano Sabbiadoro sostenendo il progetto SAVE THE CAISSARA. Tale progetto nasce nel 2004 grazie ad una collaborazione tra il  Parco Zoo Punta Verde e  l’IPÊ (Instituto de Pesquisas Ecológicas), organizzazione brasiliana operante in campo ambientale. Nel corso degli anni questo incontro ha permesso di effettuare ricerche su campo  tra l’isola di Superagui e Ariri (tra lo Stato di Paranà e San Paolo in Brasile) a favore del  Leontopiteco testa nera (Leontopithecus caissara), piccola scimmia appartenente alla famiglia dei callitricidi che ad oggi vive solo ed esclusivamente in quella zona del Brasile e non è presente in cattività. 

Negli ultimi 10 anni: 
- si è provveduto ad effettuare un censimento della popolazione di Leontopiteco caissara,
- si sono monitorati alcuni gruppi attraverso radiocollari per comprenderne abitudini e l'uso dello spazio,
- la popolazione locale ha avuto la possibilità di confrontarsi, riscoprendo le tradizioni per creare un reddito legale soddisfacente,
- è stato avviato un progetto di ecoturismo per far conoscere la natura nel suo pieno rispetto ed equilibrio.

Lo IUCN sta valutando, in base al lavoro svolto negli ultimi anni e ai dati confrontati, di migliorare il grado di minaccia del Caissara, spostandolo da gravemente minacciato a minacciato, cosa che sarebbe un grande successo e una dimostrazione che il lavoro svolto nell'ultimo decennio ha avuto un grande valore.

Il Parco Zoo Falconara, ha partecipato alle seguenti campagne:

BUSHMEAT CAMPAIGN
TIGER CAMPAIGN
RHINO CAMPAIGN
MADAGASCAR CAMPAIGN
CARNIVORE CAMPAIGN
POLE TO POLE
LET IT GROW


EAZA - Per maggiori informazioni  www.eaza.net

ban orari

ban tariffe

ristozoo

Siamo membri di:
Membro di EAZA - European Association of Zoos and AquariaMembro di - EDUZOO Educare per conservare

logo species 360

Membro di - ANMS Associazione Nazionale dei Musei Scientificilogo uiza 2013
Partecipiamo:
Partecipiamo a: EEP European Endangered species Program

Dicono di noi

ico_dicono5

Qui ci sono pubblicati gli articoli più belli che parlano delle iniziative del Parco Zoo e dei suoi Animali.

Vai alla pagina

Siti Amici